5 trends per il 2019

5 Blockchain trends per il 2019

Il mondo del Blockchain è un ecosistema in continua evoluzione, come sulla terra degli albori nuove “razze” appaiono, alcune si evolvono, altre sono destinate all’estinzione.

Considera che in questo nuovo mondo più del 90% delle startup blockchain falliscono, ed hanno una vita media di poco più di un anno.

Blockchain e criptovalute nel 2018

Questo 2018 ha visto una crescita delle criptovalute, ed in seguito un crollo rovinoso delle loro quotazioni.

La tecnologia blockchain al contrario, ha visto dissipare le nubi create da Cina e Sud Corea all’inizio dell’anno con il blocco delle ICO. Poco dopo infatti gli stessi due paesi, ed aziende come Ibm, Amazon ed Oracle, hanno deciso di sviluppare piattaforme proprietarie basate su questa modernissima tecnologia.

La messa in opera di regole di conformità da parte di paesi come il Sud Corea, in merito al mondo delle criptovalute e della blockchain. Sono la prova della presa di coscienza dei maggiori governi mondiali delle potenzialità di questa new economy.

5 Blockchain trends 2019

Individuare quali siano i 5 trends 2019 relativi alla “catena di blocchi” non è certo facile. Certo è però che il prossimo anno porterà delle grandi novità.

Gaming online.

l’industria dei videogames è sempre più interessata ai crypto tokens, e quindi alla tecnologia blockchain.

La società Bountie ne è un esempio lampante, ha infatti in programma una piattaforma di giochi online, che ti consentirà di ricevere ricompense in criptovalute.

Invece di comprare merce ed equipaggiamenti con una moneta interna al videogame, come il caso di Fortune per World of Warcraft, potrai usare la criptovaluta del tuo wallett.

Ti abbiamo già parlato in un nostro articolo dell’approvazione da parte della Sony di un videogame per la Playstation 4, basato sulla piattaforma blockchain di Ethereum.

Adozione di massa della tecnologia blockchain.

Già quest’anno è stato chiaro l’interesse di grandi aziende come la Sony e l’IBM, nella creazione di app decentralizzate basate sul sistema blockchain.

Un sondaggio è stato fatto dall’azienda di ricerche di mercato International Data Corporation.  Lo stesso ha evidenziato l’intenzione di investire milioni di dollari nel blockchain, da parte di molti investitori.

Scalabilità e facile uso della tecnologia blockchain

L’utilizzo massivo della catena di blocchi ha fatto emergere tutti i suoi limiti già nel 2017, quando il gioco basato su blockchain Cryptokitties, ha letteralmente mandato in tilt la rete Ethereum.

La mancanza di scalabilità delle piattaforme ne limita le prestazioni, anche le soluzioni più innovative come sidechain non sono ancora all’altezza di gestire grandi volumi di dati, quasi tutte le applicazioni blockchain inoltre sono tutt’altro che user friendly, sono difficili da usare per l’utente medio che opera su internet.

Blockchain Rebranding

Il mondo del Blockchain ha un gran bisogno di essere distinto da quello delle criptovalute, necessita un vero e proprio rebranding.

Ancora adesso la maggior parte delle persone che si avvicinano a questa rivoluzionaria tecnologia, associano la blockchain alle transazioni fatte con le criptovalute, spesso oscure e potenzialmente pericolose.

Nel 2019 ci auspichiamo che l’informazione in rete, e le grandi aziende possano fare un po di chiarezza, non focalizzandosi quasi esclusivamente sui mercati finanziari legati alle criptomonete.

Governi e blockchain

In un solo anno hai potuto vedere le ICO e le piattaforme di exchange vietate in Cina e Corea del Sud, e la successiva riabilitazione grazie a normative che ne regolano il funzionamento.

La Corea del Sud presto si doterà infatti di un sistema di voto basato sul blockchain.

Regolamenti in merito a blockchain e criptovalute sono già in fase di sviluppo in paesi come Malta, Svizzera, Liechtenstein e Lituania, un trend sicuramente in crescita nel prossimo 2019.

Spread the love
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  

This post is also available in: Inglese

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *