FinTech cos’è? Definizione ed esempi di tecnofinanza nella nostra vita

È un’industria per cui le previsioni parlano di 8 miliardi di investimenti annui.


Secondo il portale USA Statista.com, nel 2018 vedrà il suo affermarsi come la più grande industria dell’economia mondiale. Stiamo parlando del FinTech, o tecnofinanza, la branca dell’economia finanziaria che sta cambiando il nostro modo di fare acquisti, gestire i nostri risparmi e interfacciarci con le banche.

In questo articolo ti spieghiamo che cosa significa FinTech e quali sono gli strumenti della tecnofinanza che stanno cambiando il nostro modo di fare economia e gestire il denaro.

Non è un caso che i Millenians sono i più propensi a investire nelle crypto monete.

Che cos’è il FintTech?

La tecnofinanza, in inglese FinTech da “finance” + “technology”, è l’applicazione dell’innovazione tecnologica ai servizi finanziari.
È una rivoluzione che sta coinvolgendo il mondo del mercato finanziario nella sua interezza. Dalle banche tradizionali ai servizi assicurativi (per i quali è stato coniato il termine InsurTech).

Di per sé, il concetto di tecnofinanza non è nuovo: le nuove tecnologie hanno sempre modificato l’industria finanziaria. Nell’ultima decina d’anni, però, la combinazione di internet e l’uso di strumenti come smartphone e tablet, ha accelerato la rivoluzione.

Non solo le start-up, ma ormai anche i più grandi attori del sistema bancario, stanno prendendo parte a questa trasformazione acquisendo o sviluppando internamente progetti FinTech.

Uno degli ultimi studi di Blumberg Capital riporta che il 70% degli Statunitensi è convinto che le banche tradizionali non riescano a stare al passo con le nuove tecnologie e che le soluzioni di tecnofinanza siano lo strumento ideale per migliorare il proprio benessere finanziario.

Quali sono gli strumenti di tecnofinanza nella nostra vita quotidiana?

Innanzitutto, è molto probabile che tu stia già usando da tempo prodotti FinTech senza nemmeno rendertene conto.
Pensa a quante banche offrono la possibilità di aprire un conto in banca senza recarsi fisicamente allo sportello o delle app bancarie che ti aiutano a controllare conto e risparmi dallo smartphone.

Anche quando usi il tuo smartphone come portafoglio digitale per pagare senza usare carte o contanti, diventi parte della rivoluzione FinTech.

La tecnofinanza sta cambiando radicalmente anche il mondo delle assicurazioni e degli investimenti.
Già da alcuni anni esistono compagnie assicurative che vendono pacchetti assicurativi telematici. Negli stessi i dati riportati non sono forniti dall’assicurato ma raccolti direttamente dallo smartphone . Questi dati vengono poi utilizzati per stilare la polizza assicurativa.

Strumenti come chatbot e robo-advisor aiutano i clienti a scegliere il prodotto finanziario più adatto alle loro esigenze.

Ogni volta che i nostri soldi, nei più diversi ambiti, vengono gestiti attraverso delle app o software più complessi che prevedono l’impiego di intelligenza artificiale o big data, stiamo utilizzando la tecnofinanza.

Di questa rivoluzione fanno parte i metodi di pagamento mobile (PayPal, Amazon Payments, Apple Pay o Google Wallet, per citare i più famosi), la blockchain e le criptovalute (Bitcoin, Ethereum, Ripple, NEO, etc.), le API di open banking, il crowdfunding, i robo-advisor, i chatbot e molti altri.

Quali sono i rischi e benefici del FinTech?

Come tutti i prodotti finanziari, anche per quelli FinTech possiamo stilare una lista dei rischi e benefici.

Benefici dei prodotti FinTech:

  • Velocità di accesso:
    I servizi della tecnofinanza funzionano online, pertanto i consumatori possono accedervi in modo rapido ed efficace;
  • Una scelta più ampia:
    Trattandosi di prodotti e servizi accessibili da remoto, indipendenti dalla propria posizione geografica, la possibilità di scelta è decisamente più variegata;
  • Promozioni più convenienti:
    Le società FinTech spesso non hanno bisogno di investire in costose infrastrutture fisiche, per cui possono dedicare ai loro clienti offerte più convenienti delle  classiche banche tradizionali
  • Prodotti personalizzati:
    La tecnologia permette alle società FinTech di acquisire una gran quantità di informazioni sui loro clienti: di conseguenza, riescono a proporre prodotti e servizi personalizzati che si adattano ai vari tipi di clientela.

Potenziali rischi del FinTech:

  • Regolazione a volte poco chiara:
    Capita che le società Fintech siano delle new-entry del settore finanziario e usino dei modelli di business diversi dai quelli degli enti tradizionali: questo a volte rende difficile distinguere fra compagnie regolate e quello che non lo sono;
  • Decisioni affrettate e poco informate:
    I prodotti finanziari possono essere acquistati istantaneamente e senza che sia necessario incontrare di persona un consulente: questo può facilitare delle scelte impulsive o poco ponderate, controproducenti per il consumatore;
  • Sicurezza dei dati personali:
    L’esposizione online dei propri dati sensibili e il cyber-crimine sono rischi da non sottovalutare ogni volta che utilizziamo la tecnologia per gestire i nostri soldi;
  • Discriminazione finanziaria:
    Se la tecnologia amplia e facilita la scelta di prodotti finanziari per la gran parte dei consumatori, esclude coloro che non hanno abilità nell’uso di internet o di computer, smartphone e tablet.

 

Spread the love
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  

This post is also available in: Inglese

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *