Dash, è la finita per questa valuta?

Dash, noto anche come Digital Cash, è una moneta-cripto basata su due aspetti: la velocità nelle transazioni e la privacy (l’anonimato). È cresciuta in modo esponenziale negli ultimi mesi ed è ora considerata un bene digitale di grande valore. In realtà il suo prezzo è aumentato notevolmente da circa 100 dollari nell’ottobre 2017 a 1.500 dollari nel dicembre 2017. Prima di scendere di nuovo a 700-800 dollari nelle ultime settimane.

Dash mira ad essere la cripto-moneta per i pagamenti più facile da usare e scalabile al mondo. La rete Dash è dotata di conferma immediata sulle transazioni, protezione doppia della spesa, anonimato pari a quello dei contanti fisici, un modello basato sull’ auto-gestione, un autofinanziamento basato sui nodes ed una chiara tabella di marcia per la scalabilità della blockchain con fino a 400MB di blocchi basati su hardware open source sviluppato su misura.

Dash ed il suo rapporto con il Bitcoin 

Se da un lato Dash è basato su Bitcoin ed è compatibile con molti componenti chiave dell’ecosistema Bitcoin, la sua struttura di rete a due livelli offre miglioramenti significativi. Come detto in termini di velocità di transazione, anonimato e governance.

Dash (noto in precedenza come Darkcoin) è una valuta alternativa di crittografia molto popolare con particolare attenzione alla velocità di transazione e alla privacy. Invece di utilizzare un singolo algoritmo di estrazione mineraria (come SHA-256 di Bitcoin o Scrypt di Litecoin), si basa su X11 – una raccolta di 11 algoritmi che sono lì per garantire una distribuzione equa delle monete tra i minatori. Al momento di scrivere, occupa una posizione stabile nella top 10 delle valute crittografiche per capitalizzazione di mercato.

Dash ha inoltre recentemente firmato una partnership con la startup spagnola Bitnovo per portare la valuta criptata a 10.000 rivenditori in tutta la Spagna. La partnership permetterà ai consumatori di acquistare Dash nei negozi attraverso coupon. Ed anche in alcuni punti vendita Carrefour e Media Markt attraverso l’acquisto di gift card. Questo dimostra l’attrattiva di DASh come valuta che offre la possibilità di transazioni senza soluzione di continuità nel mercato al dettaglio.

È interessante notare che gli utenti possono già convertire Dash in euro e viceversa su Bitnovo.com, che supporta il pagamento tramite carta di debito e di credito, così come quello tramite bonifico bancario. Bitnovo ha detto che presto lancerà un Dash ATM. Dash è la seconda valuta criptata a collaborare con Bitnovo che prima di allora supportava solo Bitcoin.

Il declino di Dash è il risultato della frenetica speculazione sulle valute crittografiche

Tuttavia vi è sempre un elemento di speculazione, come anche nella finanza, per le monete cripto. In realtà il proprietario di Dash, Ryan Taylor è stato piuttosto ottimista sulle valutazioni in crescendo delle valute che hanno raggiunto a dicembre i massimi di tutti i tempi, che ora invece sono al ribasso, incluso Dash che è sceso di oltre il 50% rispetto al suo ATH. La speculazione è ancora presente ed è improbabile infatti che la crescita continui al suo tasso attuale.

Infatti, le cripto monete sono state utilizzate principalmente per sostituire le tecnologie esistenti, ma il valore principale che possono aggiungere sta nella creazione di nuovi metodi di pagamento. In questo momento, ha senso valutare gli asset criptati basati sulla valuta perché il mercato costituisce ancora solo una piccola parte del sistema finanziario globale. Taylor si aspetta che il mercato dei cambi, il criptocurrency exchange si consolidi, e ha detto che le grandi borse storiche che già operano in mercati finanziari regolamentati dello stesso hanno un vantaggio competitivo.

 

 

 

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

This post is also available in: Inglese

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *