Capire il mining: cosa significa minare criptovalute e come si fa

Minare criptovalute è l’attività alla base del funzionamento della blockchain. A primo impatto, sembrerebbe di un processo molto complicato, quasi inarrivabile. Effettivamente, i calcoli che stanno dietro il mining sono complessi, ma con il giusto supporto tecnico chiunque può diventare “minatore”: vediamo come, con parole semplici.

Il cryptomining è il processo di verifica delle transazioni di criptomoneta, in seguito al quale queste vengono inserite nella blockchain.

In base alla tipologia di criptovalute interessate, potresti sentir parlare di bitcoin mining o altcoin mining.

Magari vuoi minare Bytecoin?

Cosa significa minare per creare criptovalute?

Ogni volta che un utente effettua una nuova transazione con le criptovalute, i “minatori” o miners, sono responsabili di assicurare l’autenticità dell’informazione e aggiornare la blockchain con i nuovi blocchi approvati.

Per realizzare queste verifiche, i cryptominer devono risolvere dei complessi problemi matematici tramite funzioni crittografiche di hash associate al blocco contenente i dati della transazione.

Ogni volta che i minatori risolvono il problema che sta dietro una specifica transazione, sbloccando quindi il blocco della catena, guadagnano una somma di denaro: i “minatori” possono creare nuova criptomoneta o ricevere una commissione in criptomoneta che li compensi dei costi del processo.

Senza il lavoro indipendente dei miners, la blockchain non potrebbe esistere: sono loro che mantengono in vita il processo di verificare delle transazioni nella rete, impulsando la creazione di nuova criptomoneta.

Come fare per minare criptovalute

Detto così, sembrerebbe che minare criptomoneta sia un processo riservato a pochi adepti con una speciale attitudine al calcolo matematico. In realtà questi problemi vengono risolti grazie a potenti calcolatori, che girano su un ambiente hardware specifico.

Per dedicarsi al mining, quindi, è necessario avere a disposizione dei computer dalle ottime prestazioni, che riescano a processare i dati in modo rapido ed efficiente.

Che strumenti servono per diventare miner di criptovalute?

Prima di tutto, un computer con CPU ad alte prestazioni.
Il tuo computer dovrà poi essere dotato di un processore grafico (GPU) o di un circuito integrato (ASIC) per risolvere applicazioni di calcolo.

Poiché il processo di calcolo richiede alte prestazioni hardware, saranno necessari anche:

  • un sistema di ventilazione adeguato per evitare che i tuoi strumenti di lavoro si surriscaldino
  • una connessione internet stabile e ad alta velocità
  • un pacchetto software per il mining di criptovalute
  • un abbonamento a una piattaforma di exchange e a una mining pool, se vuoi far parte di una rete di miners con cui condividere le forze

Detto questo, se l’idea di diventare miner continua ad affascinarti, valuta la convenienza dell’impresa anche in base ai tuoi costi di elettricità: l’ambiente hardware descritto sopra ha dei costi fissi che potrebbero comportare un investimento importante all’inizio della tua carriera di criptominer. Esistono dei rilevatori dell’uso di elettricità che possono aiutarti a capire meglio i costi della tua attività di mining.

Iniziare con il mining

Una volta che il tuo hardware sarà pronto e avrai scelto il tuo software di mining, dovrai semplicemente lanciarlo e creare il tuo account: dovrai fornire dettagli sul mining pool a cui ti connetterai, l’indirizzo del tuo wallet e il nome con cui identificare il tuo PC.
Il processore si occuperà di risolvere i blocchi della blockchain e approvare le nuove transazioni.

Quando risolverai i tuoi primi blocchi, generando così le tue prime quantità di criptovaluta, riceverai il pagamento direttamente sul tuo wallet o sulla piattaforma di exchange che hai scelto.

È conveniente diventare un miner?

Considera che all’inizio della tua carriera da miner, dovrai cercare di ammortizzare il costo dell’apparecchiatura che abbiamo citato sopra.
Per rimanere efficiente e vincere la concorrenza degli altri miner, dovrai anche far sì che il tuo hardware sia sempre aggiornato, curandone la manutenzione e sostituendolo in caso di usura.
La concorrenza nel mining è molto alta, e chi non dispone della tecnologia minore, difficilmente riuscirà a minare abbastanza criptomoneta da renderla un’attività redditizia!

Inoltre, tieni sempre a mente che la redditività dell’attività di mining è molto fluida, in quanto legata direttamente al prezzo delle criptomoneta che stai minando.
Se ad esempio hai scelto di minare Bitcoin, dovrai sempre monitorarne il prezzo: potrebbe infatti capitare che, se questo diminuisce, minare nuovi Bitcoin potrebbe costarti più che comprarli direttamente nella piattaforma di exchange.

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

This post is also available in: Inglese

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *